Peeling chimici

Che cos'è?

 

Il peeling chimico (dall’inglese “to peel” = spellare) consiste nell’applicazione, sul viso o su altre zone cutanee, di sostanze chimiche e acide che generano un’esfoliazione accelerata e una stimolazione del derma, favorendone il rinnovamento cellulare. Gli acidi utilizzati durante il peeling penetrano in profondità nel derma stimolando l’attività dei fibroblasti nella produzione di collagene e glicosaminoglicani, molecole che mantengono l’idratazione cutanea. 

 

 

 

Quando si esegue?

 

Il peeling è un trattamento che forniamo a tutti i nostri pazienti desiderosi di risolvere problematiche dermatologiche quali:

 

-acne moderata/grave

 

-iperpigmentazioni/discromie cutanee

 

-invecchiamento cutaneo

 

Inoltre altre indicazioni al trattamento sono : seborrea, esiti cicatriziali lievi, photoaging, stati discheratosici, cheratosi.

 

Scegliere il trattamento peeling più adatto al tuo tipo di pelle è fondamentale per risolvere validamente il tuo inestetismo cutaneo.

 

 

 

Quali sostanze si utilizzano?

 

Gli acidi principalmente utilizzati presso la nostra struttura sono l’acido glicolico, l'acido mandelico, l'acido piruvico, l'acido salicilico, il TCA e numerosi altri.

La percentuale di tali sostanze e l'eventuale combinazione delle stesse verrà stabilita in base all'inestetismo e alla zona da trattare.

 

 

 

Quali sono gli effetti collaterali?

 

I possibili effetti collaterali del peeling sono eritema o edema nei giorni successivi al trattamento. Questi effetti sono comunque assolutamente reversibili nel giro di 48-72h.

 

Consigli utili del nostro dermatologo sono pertanto quello di non esporsi al sole o di proteggere la pelle con foto-protezioni massime. 

 

È sconsigliato sottoporsi al trattamento a donne in stato di gravidanza, soggetti affetti da infezioni virali o altre patologie importanti e a soggetti allergici anche a uno solo dei componenti del peeling.

  • Instagram