cura della pelle

ONICOMICOSI

Motus AY 2.jpg

Spesso ci ricordiamo della salute delle unghie dei piedi soltanto con l’arrivo della stagione estiva, per motivi estetici. Più importante del fattore estetico è però la salute dell’unghia, possono infatti nascere delle infezioni

che, se non curate, diventano difficili da debellare. Un esempio è l’onicomicosi. Questo processo cronico, fastidioso e molto frequente, soprattutto in seguito a determinate abitudini (utilizzo di scarpe anti-infortunistiche, contatto frequente con acqua, attività in piscine, saune...) è dovuto ad un’infezione fungina che colonizza una o più unghie di mani e soprattutto dei piedi.
La lunghezza d’onda del laser Nd:YAG è in grado di agire in modo selettivo contribuendo a risolvere questa problematica.

A CHI E' RIVOLTO?

E’ adatto a tutti coloro che presentano questa infezione, in special modo può essere una valida cura alternativa per i pazienti che non hanno ottenuto risultati soddisfacenti con un adeguato trattamento di tipo tradizionale.

Per la mancanza di effetti collaterali è una metodica utilizzabile nei soggetti anziani, nei pazienti con patologie epatiche, in soggetti immunodepressi o in chi assume farmaci sistemici che interagiscono con farmaci antimicotici orali.

QUANTI TRATTAMENTI SONO NECESSARI?

A seconda del singolo caso e del protocollo concordato con il professionista, si potranno effettuare 4-5 sedute distanziate da intervalli di tempo settimanali.

QUANTO DURA UNA SEDUTA?

Se il problema è circoscritto, non presenta particolari complicanze e riguarda solo una zona, saranno sufficienti 10 minuti per ogni trattamento laser.

IL TRATTAMENTO E' DOLOROSO?

Normalmente il paziente avverte un leggero fastidio urente durante l’applicazione del laser.

COSA DEVO FARE PRIMA DEL TRATTAMENTO?

Prima del trattamento è consigliabile effettuare un esame colturale dell’unghia o delle unghie
da trattare per verificare la presenza e il tipo di fungo sorgente dell’infezione. Il medico potrà poi effettuare un’analisi dermatoscopica o ripetere l’esame colturale utile nella valutazione dei risultati.

COSA DEVO FARE DOPO IL TRATTAMENTO?

E’ possibile riprendere le normali attività. Occorre osservare alcuni comportamenti come, ad esempio, cambiare le calze tutti i giorni e trattare le scarpe, specialmente quelle sportive o da passeggio con prodotti antimicotici per eliminare il fungo e per evitarne la ricomparsa, oltre a

evitare di camminare a piedi nudi all’interno delle piscine e strutture sportive.

QUALI RISULTATI POSSO ASPETTARMI?

Al termine del protocollo si dovà attendere l’eliminazione dell’unghia malata e la sua sostituzione con quella sana, fino ad una completa guarigione che avverrà nell’arco di 2-3 mesi, fino ad arrivare ad 1 anno.

  • Instagram